Cenatiempo – Vini di Ischia

0
703

I vini del vulcano

Racconto di un viaggio di fine estate, un periodo molto bello della mia vita. La magia dell’avventura unita alla magia dei luoghi ha contribuito a rendere questo viaggio unico e indimenticabile.

Primo insediamento della Magna Grecia, Ischia è sempre stata avvolta da un’aurea di mistero. Sin dall’antichità storia e leggenda si sono intrecciate a tal punto da non riuscire spesso a districare l’una dall’altra. All’ora come ora…

Dominata dal gigante buono dell’Epomeo, dove si dice si trovi uno dei punti di accesso al mondo sotterraneo, l’isola è ricca di straordinarie bellezze naturali. Storie di mare, tanto tanto mare, ma anche storie di terra.

Girando l’isola tanti sono gli appezzamenti, i terrazzamentidi vite che si inerpicano tra le colline, fin su le pendici del Monte Epomeo; il terreno vulcanico, così ricco di sostanze nutritive, fa di Ischia una delle aree vinicole più importanti della Regione Campania. Furono i Greci a portare qui le prime viti e a dare loro il nome che è stato tramandato fino ai giorni nostri.

In pieno periodo di vendemmia non è facile poter visitare cantine. Qui ce ne sono non molte ma di pregio. Una di queste e’ la Cantina Cenatiempo che oltre ad essere di elevato spessore, è stata di un’ospitalità sorprendente.

Bellissime le vigne di Biancolella, Piedirosso (Per’e Palummo) e Forastera che degradano verso il mare … il dio Bacco che si protende fino a toccare il potente dio Nettuno….

L’azienda Cenatiempo affonda le sue origini nel lontano 1945, quando.  Francesco Cenatiempo, un giovane ischitano, con coraggio avvia una piccola cantina sul porto. Inizialmente le uve erano acquistate dai conferitori per produrre solo vino sfuso. Grazie all’aumento progressivo del turismo sull’isola, nasce l’esigenza di produrre e imbottigliare un vino ischitano. E’ il 2007 quando il figlio Pasquale prende in affitto circa 6,5 ettari di terreno vitati, tra i quali quelli  che si trovano alle pendici del Monte Epomeo, a un’altitudine di circa 600 metri, suddivisi ora in ben 17 appezzamenti.

Federica Predoni, moglie di Pasquale Cenatiempo, ci ha mostrato i vigneti, la cantina e fatto degustare i loro vini; l’abbiamo intervistata e ripresa nel video che segue

I vini ischitani sono vini di grande espressione grazie al territorio e al terreno. Infatti il fattore ambientale è così importante perchè trattandosi di un’isola è costantemente battuta dalla brezza marina che favorisce la ventilazione delle viti e apporta salinità ai terreni. I terreni sono vulcanici quindi molto ricchi di sostanze nutritive e minerali, grazie ai quali i vini, coltivati con basse rese, si esprimono con grande intensità all’olfatto e al palato e con grande eleganza.

Torneremo molto presto a Ischia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui