Merano Wine Festival 2022

0
45

31° Merano WineFestival, cinque giornate raccontate live dai più importanti Media Partners del settore, tra cui quest’anno anche io ho avuto il privilegio di partecipare.


 
Dal 4 all’8 novembre la kermesse meranese mette in scena l’eccellenza e l’eleganza di tutto il mondo enogastronomico. Ospiti Media Partners che racconteranno e condivideranno l’evento attraverso aggiornamenti, approfondimenti e collegamenti diretti da Merano tra stampa, web e radio.

Per la prima volta partecipo al Merano Wine Festival (MWF). Uno degli eventi che mi ero prefissato di non perdere e finalmente quest’anno sono riuscito a partecipare. Differente da altri eventi, il MWF mi è piaciuto particolarmente per l’impeccabile organizzazione, rodata da 30 anni di edizioni, per l’atmosfera che si respira e per la democratica distribuzione dei banchi d’assaggio;  non si assiste alla presenza di stand che somigliano a cattedrali del vino, in contrapposizione con banchi più piccoli come avviene in altre occasioni. Dalle grandi alle piccole aziende, tutti hanno uno spazio più o meno uguale per esporre i propri vini.

La mia esperienza inizia con la visita della Sala Stampa situata al primo piano della Birreria FORST, proprio di fronte l’ingresso del Kurhaus. Un ambiente accogliente ed elegante dove ho ricevuto il PASS e la Guida al Merano Wine Festival 

IMG_9047

Ho avuto la fortuna e il grande piacere di conoscere il Patron del Merano Wine Festival, Helmut Köcher, l’uomo che ha reso possibile un sogno, portando a Merano uno dei più importanti avvenimenti enologici al mondo. In occasione della serata di inaugurazione, presso il Teatro Puccini, Köcher ha premiato, le migliori eccellenze nelle categorie vini, food, spirits e beer., con il più alto riconoscimento della sua guida, The Wine Hunter Award.

Come una pietra preziosa  incastonata tra le montagne, Merano è una cittadina raffinata ed elegante. Al mio arrivo ho trovato spolverate di bianco candido della prima neve di stagione. Una città che ricorda i film della Principessa Sissi. 
Altrettanto bello è questo evento che si distingue da tutti gli altri, proprio per il luogo in cui si svolge e le location scelte per l’evento. 
A iniziare dall’edificio più importante a Merano dove si svolgono concerti, convegni, manifestazioni culturali e molti altri eventi di prestigio.

Il corpo principale dell’evento è situato appunto nel famoso Kurhaus di Merano, un magnifico palazzo costruito insieme al Teatro Puccini in stile Liberty, nel 1874, poi ristrutturato e ampliato tra il 1912 e 1914.

All’interno si trova un elegante Foyer con una maestosa scalinata, il sontuoso salone Kursaal con il soffitto affrescato e ornamenti in stile Liberty, la Rotonda e la galleria. Altre numerose sale conferenza e sale espositive, così come il Pavillon des Fleurs e la Sala degli Specchi nella vecchia ala, completano questo edificio unico nel suo genere. 

Adiacente al Kurhaus è stata allestita una tensostruttura per eventi con esso comunicante, dove espongono i produttori del settore food, spirits e beer, oltre che alcuni Consorzi. Tra essi il Consorzio Roma D.O.C. presente con tutte le circa 80 aziende della filiera aderenti e tra queste erano presenti, oltre al Presidente Tullio Galassini, Alessia Lulli della Cantina Parvus Ager e Dario David della Cantina Terre del Vejo. Presente anche l’Agenzia MG LOGOS in qualità di Ufficio Stampa del Consorzio.

Tra le personalità presenti, il Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare Francesco Lollobrigida..Il monistro ha sottolineato la grande importanza che il settore vitivinicolo italiano ha per l’economia del paese Italiae l’obbiettivo di tutelare le eccellenze italiane del vino mettendo al centro i produttori e le piccole e medie aziende italiane. Non sono mancati approfondimenti e riflessioni sul delicato tema “alcol e salute” anche in vista delle nuove regole dettate dall’Unione Europea dove vedremo protagonisti i “vini dealcolizzati” e i “vini parzialmente dealcolizzati”.

Numerosi eventi nell’evento e masterclass hanno interessato i vari ambienti dedicati, come il bellissimo Teatro Puccini in cui si sono svolti incontri importanti e premiazioni, e l’elegante Hotel Terme di Merano dove ho potuto assistere alla premiazione della Guida I Vini del Cuore.

Organizzato da Olga Schiaffino in collaborazione con le blogger Claudia Riva di Sanseverino e Clara Maria Iachini e altri bloggers che hanno contribuito alla realizzazione di questa guida unica nel suo genere. Infatti, al contrario delle altre guide sui vini, questa è la prima Guida “social” realizzata cioè esclusivamente da wine bloggers che hanno indicato un vino del cuore all’insaputa del produttore. Quindi un volume scritto veramente con la passione di chi racconta su i social i vini parlando del suo calice preferito. Una bellissima iniziativa che ha riscosso grande successo e che spero si potrà ripetere in futuro con una nuova edizione in cui mi candiderò. Io ho già il mio vino del cuore e voi?

Al Teatro Puccini ho assistito all’incontro il cui tema era l’acqua. Molti si chiederanno cosa c’entra l’acqua in un contesto come il MWF. Ebbene l’acqua ovviamente è vita, senza acqua la vite andrebbe incontro alla morte, ma il tema principale era la sostenibilità idrica in una era in cui il surriscaldamento globale porta conseguenze di drammatica attualità come la siccità. L’acqua come bene e patrimonio dell’umanità che deve essere preservata dallo spreco e dall’inquinamento.

È possibile utilizzare l’acqua in modo sostenibile? Questa è la domanda a cui hanno risposto numerosi esponenti di rilievo legati al mondo del vino, tra i quali il Presidente del Consorzio Tutela ROMA DOC, Tullio Galassini, la giornalista di Vino.TV Chiara Giannotti, Cavaliere Antonio Morabito (UNESCO Verona), Avv. Paolo Cinis Sindaco di Pietragalla (PZ), Sergio Capalbo, Emanuele Cottacchis, Alessandro Ramella Executive Chef Hotel Excelsior Venezia Lido Resort.

Acqua Dolomia Sponsor del Merano Wine Festival

Il Merano Wine Festival è stato anche una bella occasione per incontrare amici produttori e bloggers.

Tra i produttori premiati dalla guida Wine Hunter, ho incontrato Pina Terenzi e il fratello Armando della Cantina Vini Giovanni Terenzi, è la giornalista di Repubblica, oltre che redattrice di Excellence Magazine e Delegata delle Donne del Vino Delegazione Lazio Emanuela Zennaro.

Ci si sente a proprio agio nel provare i vini di ogni produttore, dai piccoli a quelli che hanno fatto grande il vino italiano, con eccellenze nazionali e straniere.